9 febbraio 2012

Passano gli anni a Vidovici

Un grumo di case appollaiate in alto, bruciate dal sole e spazzate dalla bora, sopra la baia di Martinscica.
Vidovici Cherso Cres
La vecchia casa di Vidovici, dove nel 1987 l'anziana signora produceva ancora i
fichi secchi seccandoli al sole e alla brezza marina sull'aia di casa. I  rapporti
con il  vicino villaggio di Lubenice (altro "borgo alto") dell'isola erano frequen-
ti e agevoli. Si appoggiavano sulla rete di sentieri campestri che collegavano
gli scarni appezzamenti difesi dai muretti a secco.
Martinšćica (in italiano San Martino in Valle) è un piccolo borgo marino sull'isola di Cherso-Cres. C'è un campeggio lì vicino, più grande dell'intero villaggio, ma il borgo mantiene un certo aspetto raccolto e marinaro che a me piace molto.
Più ancora mi piace il vecchio centro abitato che sovrasta Martinšćica e che si chiama Vidovici.
L'ho scoperto molti anni fa, quando in questo angolo di Adriatico resisteva ancora qualche nucleo di cultura contadina.
Borgo di sassi battuto dalla bora e privo d'acqua. Gli esigui spazi coltivati erano difesi da cinture di muri a secco.
L'acqua era quella piovana, raccolta in cisterne a pozzo.
Frutta, olive, vigne, ortaggi, pecore, pollame e fichi secchi.
Vidovici Cres Cherso
I fichi d'india inquadrano la baia di Martinscica e l'isola di Lussino: sulla destra, in bella evidenza il Monte Ossero.

Nessun commento:

Posta un commento