27 maggio 2013

Il miele di salvia selvatica

Ciliegie e vasi di miele a Cherso-Cres.
Le stagioni del Quarnaro custodiscono la memoria della civiltà contadina, così legata alla forza e ai ritmi delle stagioni.
E' il caso del miele di salvia selvatica, l'erba aromatica mediterranea che cresce spontanea fra i sassi taglienti della pietra istriana. Una festa per le pecore semiselva-tiche che la brucano senza l'assillo del pastore.
A maggio, prima dei calori estivi, le pietraie carsiche sono tutto un fiorire di  azzurro, il colore dei fiori della salvia che cresce spontanea, così odorosa e mediter-ranea, tanto amata dagli insetti.
Oggidì le arnie vengono caricate sui rimorchi stradali e lasciate per il giusto tempo nei posti più adatti.
La salvia selvatica dell'isola fiorisce a maggio-giugno. Le arnie sono trasportabili così da poterle spostare nelle zone che la stagione rende via via più favorevoli. In questo modo si riesce a inseguire il ritmo della fiorituta. A volte le arnie vengono semplicemente lasciate sul posto, posate sui rimorchi dei trattori.
I barattoli di miele di salvia vengono poi messi in ven-dita nei negozietti dei centri costieri, dove costituiscono una felice eccezione all'omologazione industriale dei gusti alimentari, accanto alle ciliegie che maturano anch'esse molto prima del grande circo del turismo estivo.

Nessun commento:

Posta un commento