10 dicembre 2014

La zimnica, scorta strategica invernale

E' una tradizione di origine contadina, legata ai cicli stagionali e all'incertezza per il futuro raccolto.
zimnica
Le verdure estive conservate nei vasi, un'abitudine radicata nella tradizio-
ne contadina che nei centri urbani si alimenta nei mercatini all'aperto co-
me succede anche con il "mercato grande" di Fiume/Rijeka.
La tradizione della zimnica (scorta di cibi non deteriorabili per meglio passare l'inverno) è di origine slava e quindi proviene dall'interno agricolo e continentale, ma ha attecchito anche sulle coste istriane e quarnerine, dove la cucina tradizionale ha un'impronta più veneta e marinara.
La zimnica, comunque, si è diffusa anche tra gli italiani costieri, come sottolinea un gustoso articolo de "La Voce del Popolo": «Iera una roba che gaveva portado quei che se ga stabilido qua dopo el ’47, tuta gente vegnuda de lontan, de l’interno, dove che de inverno se jassa el respiro in boca e la neve coversi case e strade e bisogna gaver de parte roba per poder cusinar.
I primi ani dei drusi, Scoio Olivi e le altre imprese in cità ga comincià a spartirghe ai dipendenti la “zimniza” che se pagava a rate trategnude sula paga, de mese in mese. Se ciogheva sachi de patate, fasoi, cassete de pomi, tochi de panzeta, qualche pacheto de luganighe de Cragno, qualche salame tipo “parizer” o “mesni“, una formagela Gauda, vasi de cucumeri e papriche soto asedo, struto e oio de semi, rigorosamente “Zvjezda“ e de girasol!»

Nessun commento:

Posta un commento