24 giugno 2016

Il litorale austriaco e quello dalmata

Quando si va a Trieste e da lì si scende in Istria e poi in Dalmazia è bene conoscere il significato della parola "litorale", che da queste parti è piuttosto variabile e soggetto a (molte) interpretazioni diverse.
Österreichisches Küstenland
La vecchia Küstenland austriaca si sviluppava più verso
Nord. Di dalmata c'era - semmai - solo l'isola di Veglia/
/Krk assieme alla gemella Cherso/Cres, con i loro bei
porti e borghi delle isole del golfo del Quaranaro.
Quando si incontra il termine "litorale" con la "L" maiuscola sicuramente ci si riferisce al vecchio "litorale austriaco", anzi alla vecchia "Österreichisches Küstenland" che era una regione amministrativa dell'Impero Austriaco, creata ne 1849.
In quanto tale, aveva confini molto precisi, quelli della cartina qui a sinistra.
Più tardi Hitler creò la nefasta "Operationszone Adriatisches Küstenland" ossia la tristemente nota "zona d'operazioni del Litorale adriatico" che amministrò direttamente da Berlino, come da Berlino amministrava la zona gemella dell'"Alpenvorland", che comprendeva il Trentino e il Sudtirolo.
Entrambe vennero spazzate via dalla fine della WW2.
Dopo il Novecento la confusione tra le coste della Österreichisches Küstenland e quelle della attuale Repubblica Croata è diventata irrilevante, ma certe cose è bene saperle.

Nessun commento:

Posta un commento