27 novembre 2017

La pesca delle sardine nell'alto Adriatico

La "pesca con il fuoco" era una vecchia pratica, conosciuta e attuata fin dall'antichità classica, e che si perde nella notte dei tempi...
sardine
Pesca alla lampara: ieri come oggi una fonte luminosa attira in super-
ficie il piccolo pesce azzurro. Le sardine pescate in primavera sono le
più apprezzate ma la pesca viene praticata tutti i mesi dell'anno.
Le sardine vivono e si muovono in banchi e vengono pescate con gli stessi strumenti utilizzati per le acciughe.
Di notte i pesci vengono attirati con le "lampare", anticamente fuochi di legna che bruciavano a sbalzo fuori bordo, più tardi fiamme a carburo, oggi probabilmente luci a Led.
Le zone di pesca più interessanti per il piccolo pesce azzurro sono il medio e basso Adriatico e la Sicilia.

sardine
Questi piccoli pesci azzurri ben si prestavano ad essere conservati per più giorni dopo la pesca: bastava applicare la ricetta delle "sarde en saor". Nei lunghi secoli che avevano preceduto l'invenzione del frigorifero, si trattava di un vantaggio strategico, cioè veramente imbattibile.
"Anche le Sardine anno i lor sìti costanti, d'onde passano, uno de' quali è l'isoletta di Sansego, di cui parleremo più tardi."
(Alberto Fortis, "Saggio d'osservazione sopra l'isola di
Cherso e Osero: con tavole", Venezia, gennaio 1771)


Nessun commento:

Posta un commento