11 dicembre 2017

Štruklji (strucoli), in pratica degli strudel salati

Sono degli "strudel" di pasta leggera tirata sottile e poi riempita di carne o di formaggio o verdure. Vengono cotti al forno oppure bolliti in acqua.
štruklji  strucoli
Lo strucolo cotto viene bollito in acqua salata dentro una tela (en straza,
cioè nello straccio) e poi servito tagliando il rotolo a fette dello spessore
di un centimetro.
strucoli salati
Strucoli salati con biete (blitve) e formaggio, cotti al forno. Le bietole so-
no molto frequenti sulle tavole del litorale.
Gli strucoli (štruklji in slavo) evocano l'immagine delle case contadine: nonna, camino e una tovaglia a quadratini rossi e bianchi.
Facevano parte della cucina dei contadini poveri ed erano a base di farina, acqua, uova e formaggio, tutti ingredienti che anche le famiglia più povere traevano dalla loro stessa produzione.
Lo strucolo salato, che ha un ripieno di verdure o carni oppure o anche formaggio fresco (e viene servito come primo piatto).
Sia gli sloveni štruklji che i croati zagorski štrukli esistono sia nella versione kuhani (cioè bolliti) che pečeni (cioè al forno).
Si fanno con due tipi di pasta: lievitata, che è leggermente più morbida rispetto a quella per la potica, e non lievitata, che viene stesa in uno strato sottile.
Lo strucolo è imparentato con la gibanica serba, sia come gusto che come consistenza, anche se la forma può essere diversa.
štruklji  strucoli
Strucoli en straza pronti per la cottura e strucoli al forno impiattati. In Slovenia gli štruklji sono molto popolari, così diffusi da essersi guadagnati una citazione nella filatelia del paese.



Nessun commento:

Posta un commento